Tagliatelle con Seppie e Piselli

Condividilo sul tuo social network:

Oppure puoi semplicemente copiare e condividere questo URL

Ingredienti

Numero Porzioni:
200 g. di Farina 00 (per la pasta)
2 Uova (per la pasta)
1 (grandina) Seppie
40 ml. di Olio EVO
1 Cipolla Bianca
1 Peperoncino
10 ml. di Vino Bianco
200 g. di Passata di Pomodoro
100 g. di Piselli
qb di Pepe Nero
qb di Brodo Vegetale

Memorizza questa ricetta

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Tagliatelle con Seppie e Piselli

Cucina:

Tagliatelle con Seppie e Piselli

  • 120 min
  • Persone 4
  • Media

Ingredienti

Descrizione

Condividi
Condividi...

Le Tagliatelle con le Seppie e i Piselli…. che bontà!

Il formato di pasta non è vincolante perché si può usare anche la pasta secca o il riso, e il risultato sarà il medesimo.

Un primo piatto di pesce molto casareccio che non ha niente da invidiare a un ristorante.

La preparazione è un po’ lunga perché le seppie hanno bisogno di cuocere a lungo per diventare morbide ed evitare l’effetto Chewing Gum.

Un piatto per la domenica, le tagliatelle con le seppie e i piselli vi faranno sentire il profumo del mare e la voglia dell’estate.

Se poi volete fare le tagliatelle come una volta basta guardare il video qui sotto.

Condividi...

Passaggi

1
Fatto

Partiamo dal presupposto che questo piatto, oltre che con le tagliatelle si può fare con i maccheroncini o il riso, quindi saltiamo la preparazione della paste e ci concentriamo sul condimento per cui prendete una seppia (fresca è meglio) di discrete dimensioni, se no due piccole che non cambia.
Portatevi avanti coi lavori preparando anche un brodo vegetale (se non ce l'avete già pronto): sedano, carote e cipolla in acqua salata... semplicissimo. Se avete degli scarti di pesce potete inserirli nel brodo tranquillamente.

2
Fatto

Pulite la seppia ed eliminate sia l'occhio che il becco e tutte le parti dure.

3
Fatto

Tagliatela a striscioline larghe 1 cm. e poi a pezzettini di circa 3 cm.

4
Fatto

Mettete a soffriggere nell'olio una cipolla bianca tagliata finemente, quando questa è imbiondita aggiungete la seppia insieme a un peperoncino (che più tardi toglierete).
La fiamma deve essere vivace.

5
Fatto

Quando vedete che il fondo della padella si sta asciugando sfumate col vino bianco.

6
Fatto

Il vino ha fatto il suo lavoro e si sta ritirando per cui è arrivato il momento di abbassare al minimo il fornello e di inserire la salsa di pomodoro e una macinata di pepe.
La seppia è un cefalopode che non ha compromessi in cottura: o pochissimo, una scottata e via, oppure necessita di lunghe e dolci cotture per cui se vedete che il sugo si asciuga troppo aggiungete un po' alla volta il brodo che avete preparato. Avrete notato che non si parla di sale nel sugo, questo perché il brodo vegetale è già sapido quindi per tenere controllata la situazione assaggiate più volte.

7
Fatto

I piselli sono un altro ingrediente che differenzia la cottura in base al tipo, se fresco ci vuole molto più tempo, più o meno come quelli surgelati, mentre invece quelli in barattolo o in vetro cuociono prima perché sono precotti. Quindi vedete voi quando è il momento giusto.

8
Fatto

Considerate che il sugo lo potete fare anche con largo anticipo e quando ritenete sia pronto lo potete anche spegnere per riscaldarlo, ed eventualmente bagnarlo col brodo, quando mettete giù la pasta.

9
Fatto

La pasta è pronta e "al dente" ed è il momento di unirla al sugo. Considerate che le tagliatelle sono più delicate della pasta secca e per evitare di romperle si consiglia di rimescolarle delicatamente.

Recensioni

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta, usa questo form per scriverne una
crostini neri toscani
precedente
Crostini Neri Toscani
tarallini all'olio
successivo
Tarallini all’Olio
crostini neri toscani
previous
Crostini Neri Toscani
tarallini all'olio
successivo
Tarallini all’Olio

Aggiungi un Commento